I nostri vini

Vitigni autoctoni regalano prodotti di pregio in linea con gli alti livelli del Monferrato, territorio riconosciuto patrimonio dell’umanità UNESCO.

CÀSTORE

VINO BARBERA DEL MONFERRATO ROSSO – ANNATA 2016

Vitigno: Barbera del Monferrato 100%

Vigneto: la varietà viene coltivata nella zona viticola di Vignale Monferrato su terreni in pendio di costituzione argillosi ricchi di calcare. Le piante sono allevate a spalliera con taglio Guyot con la densità di impianto di circa 5000 ceppi ettaro. I vigneti da cui vengono ricavati i grappoli hanno un’età variabile dai quindici ai cinquant’anni.

Vinificazione: l’uva viene raccolta nel momento in cui gli acini presentano una buona dotazione di zuccheri, una buona colorazione delle bucce e una maturazione avanzata dei vinaccioli. Raccolta in casse da 20 kg, onde rispettare l’integrità del prodotto, viene portata in cantina per la pigiatura ovvero la separazione degli acini dal raspo. Il mosto con le proprie bucce fermenta a temperatura controllata in vasca d’acciaio per circa 25 giorni; durante questo lasso di tempo gli zuccheri vengono trasformati in alcol e avviene l’estrazione di colore, tannini e profumi dalle bucce. Successivamente, allontanata la vinaccia dal vino, quest’ultimo prosegue la sua trasformazione e la sua maturazione in tini d’acciaio per circa un anno prima di essere lavorato, stabilizzato e messo in bottiglia.

MÀRSIA

VINO SPUMANTE ROSÉ

Vitigno: Barbera 100%

Vigneto: la varietà è coltivata nell’areale di Vignale Monferrato su terreni tendenzialmente argillosi con substrato di marna calcarea più o meno compatta. Le piante sono allevate a spalliera con tralcio rinnovato con una densità di circa 4000 per ettaro.

Vinificazione: l’uva viene raccolta a una gradazione potenziale di circa 12,00-12,50 gradi e un’acidità fissa piuttosto alta (per garantire la tenuta della freschezza nel tempo). Portata in cantina in cassette da 20 kg viene sottoposta alla pressatura diretta dei grappoli ottenendo un mosto rosato scarico che viene successivamente sottoposto a illimpidimento statico mediante il freddo. Viene portato in fermentazioni in autoclavi dove insieme alla formazione dell’alcol si sviluppano profumi, sapore e la ricercata spuma, caratteristica fondamentale dello spumante. Lasciato maturare per parecchi mesi a -2 gradi sotto zero viene sottoposto successivamente a illimpidimento e stabilizzazione con separazione del lievito. Imbottigliato con il tipico tappo fungo.

TÈMI

VINO CORTESE BIANCO – ANNATA 2016

Vitigno: Cortese 100%

Vigneto: la varietà viene coltivata nella zona viticola di Vignale Monferrato su terreni tendenzialmente argillosi con substrato di marna calcarea più o meno compatta. Le piante sono allevate a spalliera con taglio Guyot con una densità d’impianto di circa 5000 ceppi ettaro.

Vinificazione: l’uva viene raccolta non appena raggiunta la graduazione potenziale di circa 12,50° e un’acidità piuttosto alta. L’uva raccolta viene portata in cantina in casse di circa 20 kg di contenuto, sottoposta a raffreddamento e successiva pressatura diretta. Ottenuto il mosto limpido, viene fatto fermentare a una temperatura di circa 15 °C per conservare inalterati i profumi. Sì affina sui propri depositi nobili di fermentazione per circa quattro mesi a una temperatura di circa 4 °C. Sottoposto successivamente a chiarifica e stabilizzazione viene messo in bottiglia nella primavera successiva alla vendemmia.

Italiano